“Ho raccontato queste storie solamente per il piacere di raccontarle. Il piacere di raccontare storie implica un giocare con ciò che si narra, e questo giocare implica una certa libertà riguardo alla materia. Questa libertà di fronte alla materia richiede che la ricostruzione di Chaucer sia di fantasia, e che non debba essere usata come pretesto per la ricostruzione di un periodo storico. La storia in questo film è strettamente di fantasia. Perciò devo dimenticare Chaucer per poter fare il film come un mio gioco di fantasia, un mio gioco personale come autore.”

Pier Paolo Pasolini Per il cinema

I racconti di Canterbury (1972)

Titolo originale: I racconti di Canterbury

Paese di produzione: ItaliaFranciaGran Bretagna

Anno: 1972

Durata: 122 min (versione originale presentata al Festival di Berlino),
110 min (versione attuale rimontata da Pasolini)

Genere: commediagrottescodrammaticostorico

Regia: Pier Paolo Pasolini

Soggetto: I racconti di Canterbury di Geoffrey Chaucer

Sceneggiatura: Pier Paolo Pasolini

Produttore: Alberto Grimaldi

Casa di produzione: PEA Produzioni Europee Associate S.a.s.

Fotografia: Tonino Delli Colli

Montaggio: Nino Baragli

Effetti speciali: Luciano Anzellotti

Musiche: Pier Paolo Pasolini, Ennio Morricone

Scenografia: Dante Ferretti

Costumi: Danilo Donati

Trucco: Otello Sisi

Premi:

Festival di Berlino 1972Orso d'oro

Pier Paolo Pasolini durante le riprese di 'I racconti di Canterbury' (1972) 

© Archivi/Mondadori Portfolio

Letteratura

 © 2017 Città Pasolini

Canterbury_Fotogramma 6

I racconti di Canterbury (1972) Pasolini. Fotogramma