• Città Pasolini

Non rode più il topo, cantano le rondini. Pier Paolo Pasolini



Pier Paolo Pasolini nella sua casa di Monteverde Roma, 23 maggio 1962 © Vittorio La Verde/Riproduzione riservata

Il Quaranta quatri.


"No roseéa pì la surìs, a ciantin li sizilis, no svualapèa il colòmp, a sgiarfin Ii gialinis. No suna par il timp, sunin li Aimariis. A si vièrs l’ùs da l’ort, e palidùt il nini al ven fòur curìnt, e sclufat tal glerìn al matièa bessòul c’un gamelòt lusìnt. La mari drenti in ciasa, tal sulisu fruvàt

a spaca i stecs trimànt sul puòr zenoli alsàt. Po’ a impija i fulminàns e il cialdirìn dal lat a picia un puc ’fanada stissiànt il fòuc cu’l flat. Fòur a è dut un bati fresc di Aimariis vía par i puòrs paìs plens di malincunia. Quìndis àins! disnòuf àins! Botonànt li barghessis a vègnin ju i fantàs, a ghi tirin li stressis: «Dai, mama, i vin fan, prepara di marinda!» Cui stòmis nus a còrin tal curtìl sot la linda, e lì coma doi poj, sora la vas-cia plena un ridìnt al si lava chel altri al si petena. Recuàrditi, Signòur, chel ch’a ni à capitàt, da la nustra pasión vuarda di vej pietàt. La nustra ciera a è stada in man dai forestèirs e nu a ni àn puartàt ta n’antra prisonèirs. I zòvins e i vecius in plassa a àn piciàt, li nustris fantassinis a àn disonoràt. A ni è muàrt in tal còur il ben da la ligria ogni voja di ridi a è svualada via. Par li stradis feratis, par i stradòns di sfalt par vej un toc di pan i ris-ciavin la muàrt. Clàmini tu, o Signòur, e nu i Ti clamarìn, torna a fà i nustris dis coma ch’a erin prin."

IL QUARANTA QUATTRO. Non rode più il topo, cantano le rondini, non svolazza il colombo, raspano le galline. Non suona per la tempesta, suonano le Avemarie. Si apre l'uscio dell'orto e palliduccio il bambino vien fuori correndo, si accuccia sulla ghiaia, e gioca da solo con un barattolo lucente. La madre dentro in cucina, sul pavimento consunto, spacca gli stecchi tremando, sul povero ginocchio alzato. Poi accende i fulminanti, e appende un poco affannata il pentolino del latte, attizzando il fuoco col fiato. Fuori è tutto un battere, fresco di Avemarie, via per i poveri paesi pieni di malinconia. Quindici anni! diciannove anni! Abbottonandosi i calzoni, vengono giù i ragazzi, la tirano per le treccie: «Su, mamma, abbiamo fame, prepara la merenda!». Coi petti nudi corrono nel cortile sotto la grondaia, e lì come due pioppi, sul vascone pieno, uno ridendo si lava, l'altro si pettina. Ricordati, Signore, quello che è accaduto, della nostra passione guarda di avere pietà. La nostra terra è stata in mano agli stranieri, e noi ci hanno portato prigionieri in un'altra. I giovani e i vecchi li hanno impiccati in piazza, le nostre giovinette, ce le hanno disonorate. Ci è mostro nel cuore il bene dell'allegria, ogni voglia di ridere ci è volata via. Per le strade ferrate e gli stradoni d'asfalto, per un poco di pane, abbiamo rischiato la morte. Chiamaci tu, o Signore, e noi ti chiameremo, rifà i nostri giorni com'erano prima.

Pier Paolo Pasolini, da Il Vecchio Testamento, il Quaranta Quattro, in "La meglio gioventù" (1954) Sansoni Editori

47 visualizzazioni

 © 2014 Città Pasolini