• Città Pasolini

Pier Paolo Pasolini "Sospiro di mia madre su una rosa" (1953)





Susanna Colussi e Pier Paolo Pasolini a casa loro, Roma (anni settanta) © Morici/Farabola. Riproduzione riservata

Sospiro di mia madre su una rosa

"Ti trovo sul lenzuolo

bianco, rosa bianca,

facendo il letto a mio figlio,

ti trovo sul lenzuolo.

Rosellina di mio figlio,

dove ti ha raccolta,

perché ti ha raccolta la mano di mio figlio?

Taci tu, scontrosa,

come lui, che a quest'ora

chissà dov'è,

con la sua pace scontrosa!

Come nel grembo del cielo

taci nel suo lenzuolo

e quel mio giovane cuore

tace solo sotto il cielo.

Tutte due dimenticate,

la madre e la rosa!

Andando chissà dove

ci ha dimenticate."

Suspira di me mari ta na rosa

"Ti iati tal ninsòul

blanc, rosa blancia,

fanghi il jet a me fì

ti ciati tal ninsòul.

Rosuta di me fì.

dulà ti àia ciolta,

parsè ti àia ciolta,

la man di ne fì?

I ti tas tu, salvàdia,

coma lui che a stà ora

cui sa dulà ch’al è

cu la so pas salvàdia!

Coma tal grin dal sèil

ti tàs tal so ninsòul

e chel me zòvin còur

al tas sòul sot il sèil.

Dutis dos dismintiadis,

la mari e la rosa!

Zint cui sa dulà

al ni à dismintiadis."


Pier Paolo Pasolini Sospiro di mia madre su una rosa (1953) da "La meglio gioventù" (1954)

56 visualizzazioni

 © 2014 Città Pasolini